“Io sono una foresta e una notte di alberi scuri: ma chi non ha paura della mia oscurità trova anche, sotto i miei cipressi, declivi di rose.”

( Friedrich Nietzsche)

“Ma ora che sono molto, molto vecchio, mi rendo conto che di tutti i volti che dal passato mi ritornano in mente, più chiaro di tutti vedo quello della fanciulla che ha visitato tante volte i miei sogni di adulto e di vegliardo. Eppure, dell’unico amore terreno della mia vita non avevo saputo, né seppi mai, il nome…”

(Umberto Eco – Il Nome della Rosa)

“Buttate pure via

ogni opera in versi o in prosa.

Nessuno è mai riuscito a dire

cos‘è, nella sua essenza, una rosa”

(Giorgio Caproni, Res amissa, Garzanti, Milano 1991, p. 79.)

“Coglierò per te

l‘ultima rosa del giardino,

la rosa bianca che fiorisce

nelle prime nebbie.

Le avide api l‘hanno visitata

sino a ieri,

ma è ancora così dolce

che fa tremare.

È un ritratto di te a trent‘anni,

un po‘ smemorata, come tu sarai allora.”

(Attilio Bertolucci)

“O dolci mani mansuete e pure,

o mani elette a bell‘opre e pietose,

a carezzar fanciulli, a coglier rose,

a pregar, giunte, per le sventure.”

(Giacomo Puccini, Tosca)

“In forma dunque di candida rosa

mi si mostrava la milizia santa

che nel suo sangue Cristo fece sposa;…)

(Dante, Paradiso, XXXI vv. 1-3)

Federico Bernardini

Illustrazioni tratte da Google immagini

 

 

Annunci