Troppo profumo.

Troppi colori.

Troppi rumori.

Non era quello il mondo che mi ricordavo.

Eppure ieri mi ero addormentata nel mio letto.

Sì, la strada, la gente in piazza, la musica lontana.

Il cielo era diverso, perché ora è viola?

Paura, pericolo, non riconosco niente.

Ecco, si avvicina qualcuno, qualcosa.

Peloso, lilla, è elegante il suo incedere, dolce il suono che emette. La tranquillità mi assale.

Mi porge una zampa, aperta, è piena!

Un nettare, sembra di rosa, ma aspro, un po’ salato.

Potrei farci una crostata, la pasta dorata e sopra questa sorpresa.

Mi metto a ridere, mi imita, ma soavemente.

La mia risata risuona troppo sonora, taccio e sorrido.

Facile seguirlo, entrare nella strana casa di… cosa?

Pare fungo, odora di pane.

Scorgo un letto uguale a quello del mio risveglio.

Sopore, no, non voglio addormentarmi… o svegliarmi?

(Sonia Maioli)

Fonte illustrazione: http://forum.ipoh.com.my/showthread.php?t=22706&page=219

Advertisements