“Ogn’anno, quanno vie’ San Valentino,
ancora ce se mozzica le mano
pe quanto je costò quer regalino.
De rose rosse er mazzo più ruffiano

je fece a quella sgrinfia er signorino,
mica ‘n fregnetto scrauso da tarpano:
Gloria de Roma, fiore sopraffino,
più mejo der presente d’un surtano.

All’epoca fu propio spesa bona,
era na bella sorca, sarvognuno,
ma a riguardalla adesso sta matrona

nun se la filerebbe più nisuno.
Artro che rose rosse, a la buzzona
je donerebbe ‘n mese de diggiuno”.

Giuseppe Gioachino Brutti

Immagine tratta da Google immagini

Annunci