“A casa mia so tutti benvenuti,
nun è ‘na reggia, è ‘na casa modesta,
ma tutti quelli che ce so venuti

so stati accorti come fusse festa,
cor core in mano ed un sorriso ‘n bocca,
li mejo aredi de la gente onesta.

Nun ce so argenti, solo quarche brocca
de romanella sempre pronta e fresca,
che te delizia er core ortre la bocca,

da offrì co’ ‘n po’ de fava romanesca
quann’è staggione, oppure du’ coppiette.
Ma quanno certa gente villanesca

me poggia su la tavola le fette,
oppuro attasta er culo a la fantesca
o a casa mia vo fà l’ammazzasette,

assai de fretta è mejo che se n’esca
perché so bono, ma nun so fregnone
e de natura a vorte un po’ manesca.”

Federico Bernardini

Illustrazione tratta da Google immagini

Advertisements